Ecografia Intravascolare

Cos’è ecografia intravascolare?

L’ ecografia intravascolare  (intravascular ultrasound – IVUS),  è una tecnica che, attraverso l’uso di un catetere con un trasduttore ecografia sulla punta, che raggiunge le coronarie, consente di ottenere per mezzo degli ultrasuoni, informazioni sul vaso, non soltanto riguardo al lume, ma anche riguardo alle caratteristiche e alla struttura della placca. L’ecografia intramuscolare è quindi un esame invasivo che viene effettuato solitamente al termine della coronarografia ove il medico lo ritenga necessario.

Le immagini IVUS finora erano in bianco e nero e quindi osservabili solo con la scala dei grigi. Attualmente questo limite è stato superato mediante l’uso di un software che elabora i segnali come immagini a colori e, in ultima analisi, creano la cosiddetta “istologia virtuale”. Le immagini presentano colori diversi a seconda del tipo di tessuto che riflette gli ultrasuoni. Per fare un esempio, il tessuto fibrotico appare di colore verde, il core necrotico appare di colore rosso, i lipidi appaiono di colore giallo. In pratica i vantaggi sono duplici in quanto l’IVUS effettua un’analisi quantitativa, ma anche qualitativa della parete del vaso.

E’ ormai accertato che il rischio di andare incontro ad una sindrome coronarica acuta, più che alle dimensioni della placca e alla percentuale di stenosi coronarica, è legato alla vulnerabilità della placca stessa, la quale è in relazione ad alcuni elementi (studio Prospect). Questi elementi comprendono le cellule infiammatorie, un elevato contenuto lipidico, un core necrotico, etc. Essi aumentano l’ instabilità della placca e ne provocano la rottura con gravi conseguenze di natura trombotica, a cui consegue la sindrome coronarica acuta.